17 maggio 2013

GIOVANNA: Francesco e gli altri


Devo prendere provvedimenti; in un metro e quarantotto di altezza, a quarantanni, non possono convivere contemporaneamente dolore al nervo sciatico, cervicale e cistite! Non mi sento molto in forma, a essere onesti... :) E quindi sono contenta della ventata di allegria che arriva dalle righe inviate da Giovanna.
Le pubblico con piacere...



Francesco e gli altri... tutti quei bambini che hanno dovuto affrontare la Prima Elementare. 
O la prima asilo, o la prima attività sportiva, o la prima vera amicizia. 
Crescere è una cosa alquanto difficile, e quando un bambino diventa grande lo diventano anche i suoi genitori.
Per noi, una qualsiasi novità è già difficile, spesso fonte di ansie, non sappiamo se buttarci ma soprattutto sappiamo pensare prima di agire. Un bambino no. La novità, in un bambino, destabilizza, crea ansia, crea forti emozioni.. Un bambino spesso davanti a una novità regredisce, pensiamo quando arrivano i fratellini piccoli, un genitore va via per lavoro, una separazione... tutte cose che rendono la vita di un bambino difficilissima!
La mia bambina quando deve affrontare una cosa nuova si agita, ma tanto. Se la cosa è bella, le si riempie il cuore di così tanta gioia che incomincia a non sapersi contenere, si agita, parla velocissima, ti fa dieci domande in due secondi, se la novità è brutta, spesso le viene male alla pancia. 
Avevo un’amica che quando la sua bambina affrontava le novità, i primi tempi le scappava la pipì addosso. Un’altra cominciava a balbettare, poi qualcuno fa i sogni brutti, altri hanno il mal di testa, e così via.
Non dobbiamo spaventarci delle novità, dobbiamo attrezzare i nostri bambini ad accoglierle. Facciamoci raccontare cosa succede dentro di loro, aiutiamoli ad esprimere le loro emozioni, belle o brutte che siano. Passiamo del tempo con loro, ma soprattutto non perdiamo la testa. E diamoli tempo! Il tempo è prezioso soprattutto in questi casi: è il tempo che aiuta a crescere, i passaggi servono a tutti, grandi e piccini, ci rendono più forti anche come famiglia, come genitori, fratelli e amici... e se proprio non pensiamo di farcela, facciamoci aiutare.
Francesco e tutti gli altri sono diventati grandi, e anche le loro mamme e i loro papà.


2 commenti:

  1. sacrosante parole. anche se non è facile. mai. ne' per noi ne' per loro. ma si cresce, faticosamente e a volte dolorosamente.

    RispondiElimina
  2. Nella difficoltà, a volte, il tempo non sembra passare mai, ma quando poi superi la fatica della salita, ti accorgi di quanto questa ti abbia aiutato, quanto meno a scoprire che la forza, l'amore e la soddisfazione nell'esserci riusciti

    RispondiElimina