25 marzo 2013

RICHTER ALLA FONDAZIONE SANDRETTO

All'inizio del mese siamo andati alla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo. A due passi da casa nostra, ha rallegrato una di queste innumerevoli domeniche di pioggia.
Come più volte ho scritto, ci piace molto riuscire ad andare tutti assieme per musei... 
Ne scaturisce sempre la piacevole sensazione di riuscire ad avere una vita "normale".


L'attenzione dei turulli piccoli è molto limitata; Franci, invece, inizia a osservare e a fare domande.
Gli spazi e gli ambienti sono fondamentali quando si va a spasso con tanti bambini.
E la Fondazione di cui vi parlo è a misura di bambino; locali ampi, pubblico sparso, quantità delle opere esposte a misura di gagno.
Uno di quei posti che mi fa (ancora) desiderare una personale per me e Danilo... Ne abbiamo parlato così tante volte ma così tante volte... Avevamo anche scelto il tema e il titolo...

Ad ogni modo; l'ambientazione è favorevole e il contenuto molto bello! Richter.
(dal sito della fondazione): "Nella loro sostanza, i lavori di Gerhard Richter traggono origine da una profonda riflessività. L’artista scandaglia, con acuto spirito critico, le possibilità e le condizioni dell’attuale produzione artistica, ponendo domande fondamentali. Che cosa è un’immagine? Che cosa può essere, sullo sfondo della nostra società mediatica, ma anche delle lunghe tradizioni storico-artistiche? Nell'affrontare questi temi, sceglie di non limitarsi a uno specifico stile o mezzo espressivo, rivelando così il respiro universale delle sue istanze.
(...)

Gerhard Richter – Edizioni 1965-2012 viene presentata a Torino nell’ambito di uno scambio espositivo fra la Olbricht Collection e la collezione della Fondazione Sandretto Re Rebaudengo. La mostra è stata proposta al pubblico nella primavera del 2012 presso lo spazio me Collectors Room a Berlino. Nel 2014 la Collezione Sandretto Re Rebaudengo sarà ospite a Berlino."

dal web
dal web

La mostra è aperta sino al 21 aprile.
Saranno i colori, sarà il lavoro grafico, sarà l'ambientazione: questa visita ci ha fatto stare bene.







Nessun commento:

Posta un commento