7 marzo 2013

OGGI, 7 MARZO

Oggi sette marzo alle ore 17.30 c'è Nati per leggere...
E oggi è anche il compleanno del mio babbo... 
A luglio sono cinque anni che non c'è più e mi fa impressione anche solo pensarlo: così tanto tempo.
A un certo punto prenderò in mano quei video che non ho mai voluto vedere per intero, quelli che avevo girato per registrare la sua voce prima che gli togliessero tumore e corde vocali assieme; li guarderò è avrò quella terribile sensazione del "passato di moda"... della lontananza temporale...
Oggi Francesco è andato a scuola quasi piangendo... 
Non ha voglia, è demotivato e io non me la sento più di  insistere sulla "resa scolastica" (fai, dai, non mollare, impegnati, è importante). 
Il poco tempo che passiamo insieme (con gli altri tre quasi non parlo...) preferisco usarlo per fantasticare sulla fionda che vogliamo costruire in montagna.
Non ha mai detto di stare male, come scappatoia intendo; stamattina si lamentava del mal di testa e del male alle gambe... ed io, quindi, sono qui che penso a lui.
A lavorare sono una specie di zombie... faccio poche cose e lentamente, ascolto questi ragazzini e poi, però, devo anche tappare le orecchie perché senno non si sopravvive.
Stanotte fortunatamente ho dormito bene; non si può dire lo stesso della notte precedente, trascorsa nuovamente in piedi.
Alessandro è gelosissimo; tutte le notti, ormai da una settimana, verso le tre viene nella nostra camera per farsi coccolare e rassicurare. A volte dice che ha mal di pancia, a volte che ha freddo ecc... Vuole stare con noi. Piange spesso ed è chiaro, ci sta cercando; anche io sarei gelosa di Francesco... Perché la disparità è palese... Però non ho altri modi, ora, e quindi vado avanti.
A Chiara ieri hanno fatto le prove allergologiche: negative. Ancora alcuni accertamenti e poi, quasi certamente, si riprende la terapia con Singulair.
Davide cresce; disegna, parla e, sebbene sempre più raramente, ha ancora qualcuna delle sue uscite di urla isteriche e parolacce. 
Chiara è sempre bella! E sempre più tappa :) Cresce e non vede l'ora di andare a scuola e fare tutti i compiti che fa Francesco...
Con queste righe senza capo e senza coda, vi saluto. 
Ci vediamo domani con il racconto e le foto di una delle nostre ultime gite...

4 commenti:

  1. In in queste poche righe, c'è tutto un mondo, il tuo, ed è bello poterle leggere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie... a te mi sto proprio affezionando....

      Elimina
  2. Cara e coraggiosa mamma mi hai commossa....sei brava, bravissima. Ho solo un figlio e nei momenti di sconforto "esprimo un desiderio" e prego: (anche se non sono una chiesaiola) dammi la forza l'amore la costanza e la pazienza per crescere questo bambino.....questo per dirti che ti sono vicina e ti capisco. Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche a te... insieme a un grazie; perché le parole e i pensieri letti qui mi fanno bene, tanto bene... a presto :)

      Elimina