26 febbraio 2013

LA FOTOGRAFIA MOSSA

Giovani lettori.... lo sapete che quando ero più giovane le fotografie si chiamavano anche "istantanee"?
Potete capire perché osservando qualche fotografia che avete accanto a voi; lo scatto di una macchina fotografica cattura un istante e lo immobilizza.
Se questo non avviene si dice che la foto è mossa.

Una foto mossa dipende da tre fattori.
1 - movimento della cosa che state fotografando
2 - movimento del fotografo mentre scatta 
3 - impostazione della macchina fotografica. In quella automatica (cioè che aggiusta e sceglie da sola la cosa fare) non dobbiamo inserire nessuna istruzione perché è proprio lei che "capisce" cosa stiamo riprendendo e si adatta di conseguenza. 
Si chiama tempo di esposizione il misuratore di questa particolarità delle immagini fotografiche. 
Possono variare da un millesimo di secondo a qualche secondo intero.
Voglio fare qualche esempio per capire meglio; un bambino che corre in bicicletta è molto più veloce e si muove molto di più rispetto a un bambino che fa i compiti. E quindi occorre che la macchina fotografica scatti "molto rapidamente" la foto, in modo da immortalare l'attimo particolare.
In modo simile, se il fotografo è in auto, il rischio che la foto venga mossa è molto elevato perché lui stesso si muove. Se faccio uno starnuto nell'attimo esatto in cui scatto, la foto verrà mossa (e magari molto più bella :)).
Per questo motivo si usano anche i cavalletti. Li conoscete? Eccone uno...
dal web
Il cavalletto si usa per tenere immobile la macchina e permetterle di fare qualche movimento; se non lo avete non preoccupatevi: potete appoggiarla sullo zaino di mamma, su un muretto, su qualsiasi oggetto stabile, nella posizione che a voi occorre.

Guardiamo insieme queste foto; valutiamo chi e cosa si muove.


Questa immagine è stata scattata in auto e, come notate, il paesaggio è mosso in quanto la macchina (cioè il fotografo) era in movimento.

Sotto, invece, il fotografo era immobile ma chi si muoveva era il soggetto, cioè la cosa e/o persona che sto fotografando. Noterete infatti che solamente i bambini sono mossi mentre il resto degli oggetti presenti nella foto (lo scivolo gonfiabile), è fermo.



Per finire, altri soggetti in movimento ma questa volta immortalati in modo istantaneo dalla macchina fotografica. I gabbiani in volo, infatti, possono essere nitidamente osservati in un particolare istante del loro volo. 



Chi di voi volesse approfondire l'argomento con qualche terminologia tecnica in più, lo può fare abbondantemente in rete. Io ho scelto per voi questo link: http://www.fotocomefare.com/tempo-di-esposizione/

E ora una proposta: volete giocare con me e con la macchina fotografica? 
Invita i tuoi bambini a fare delle foto muovendo la macchina fotografica...
Oppure scegli con loro immagini già scattate... Inviatele, con qualche commento, e le pubblicheremo insieme...
E voi, giovani lettori, che ne dite? Esponiamo qualche vostra opera? Volete invitare gli amici a fare delle foto con voi? Il tema: muovere la macchina fotografica, poco e tanto, e guardare le immagini scattate.
A presto e buon divertimento!

Nessun commento:

Posta un commento