24 ottobre 2012

UNA CASA CON I BAMBINI

Come sapete abbiamo rifatto da testa a piedi la nostra casa...
Molto spesso sento le nostre voci ribadire le stesse, solite, raccomandazioni: "Attenzione a quelle mani sporche, giocate sul tappeto ecc...".
In parte ci sta; i bambini, secondo me, devono imparare il rispetto delle cose.
Allo stesso tempo però devono avere il modo di esercitare in libertà il loro mestiere...
E, spesso, a casa nostra può essere difficile. 
Sia io sia Danilo siamo molto protettivi nei confronti della casa e di buona parte delle infinite cose che ci stanno dentro.

Proseguo nella lettura dei testi della Montessori e trascrivo (prima per me, poi  per il mio consorte... e, se vorrete, anche per voi)...



"Il celato timore che il bambino ci rechi danno o ci procuri fastidio lo mostriamo già nei primi momenti: noi abbiamo quasi come un istinto di difesa contro di lui, ed un istinto di gelosa difesa e di avarizia per le cose che possediamo, anche se non valgono niente (...) badare che il bambino non deturpi, non impedisca il tranquillo svolgimento della nostra vita quotidiana.

Quando si ha in casa un bambino, bisogna non solo correre a salvare tutte le cose e magari fuggire per non essere disturbati; bisogna per di più combattere i cosiddetti suoi capricci, perché non sia vittima di essi e diventi una persona bene educata. Ecco quello che sembra il primo dovere morale. (...)
L'adulto pensa di correggere il bambino da questi difetti: ma vorrei che fosse chiaro che è inutile correggere difetti che egli non avrà più quando sarà adulto (...)
Quando ci siamo avviati su questa strada, cominciamo a capire molte cose e ad amare il bambino con i suoi bei difettucci, che non ci saranno più nell'adulto malizioso e complicato..."


Nessun commento:

Posta un commento