23 ottobre 2012

PLANNING

Ricordo con grande tenerezza gli schemi che facemmo durante i primi mesi di vita dei bimbi; non era per tenere l'ansia a freno, come spesso mi accade.
Si trattava di vera e propria sopravvivenza per ricordare: chi aveva cagato, chi aveva vomitato, a chi erano state date le medicine delle cure, interminabili, appioppate ai prematuri ecc...
A distanza di qualche mese, appendere alle pareti schemi e turni e razionalizzazione dei tempi mi ha aiutata a gestire i sensi di colpa per non riuscire a fare tutto quello che avrei voluto con ognuno dei turulli...
Ci sono ritornata!
Durante l'inscatolamento della casa per i lavori di ristrutturazione, ho messo gli schemi nella scatola dei ricordi.
Oggi ne ho fatti altri...
In parte perché mi aiutano a rilassarmi e in parte perché concretamente, senno, non ci si capisce molto...
Ve li allego...
Al momento è quasi vuoto (mancano gli impegni della scuola dell'infanzia, la turnazione di mamma e babbo, generico svago pomeridiano) ; lo aggiorno a mano al bisogno (è appeso in cucina).
Se vi possono servire, copiate spudoratamente...
Anche questo è un modo per allenarmi a quando alla scuola elementare ci andranno tutti... :)




2 commenti:

  1. Io al momento vado a vanti con il mio quadernetto arancio delle liste... mi sa che prossimamente testerò i planner!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io sto cercando di disintossicarmi dai "bigliettini"... agenda piena e anche zaino... poi alla fine ne perdo la metà :)

      Elimina