5 settembre 2012

QUI NON SI TOCCA



Da tempo, ormai, dico che una delle paure più grandi che ho è di "perdere" o "farmi rubare" qualcuno dei miei figli... 
Il numero non semplifica: le nostre mani per tenerli e i nostri occhi per osservare non si moltiplicano, mentre si moltiplicano le loro interazioni con il mondo.
L'altro giorno siamo andati insieme a fare una passeggiata in centro; complice il brutto tempo, ci siamo regalati un giro in bus sino ai portici (riparati dalla pioggia) di piazza Castello e a seguire via Po.
Sapete quelle sensazioni strane che le mamme "sentono"? Bene.
Un tizio ha iniziato, a mio avviso, ad avere atteggiamenti esagerati con Franci...
Oltre l'istinto, condivido un paio di sensazioni: lui è il più grande e in genere il pubblico che ci domanda-circonda-sorride-auguraognibene, osserva più i piccoli e non Francesco, più grandino.
Poi non ha avuto alcun tipo di relazione con noi (un saluto o simili) ma solo con lui, alle nostre spalle. 
Poco dopo, si è seduto di fronte a Francesco e ha continuato a osservarlo e sorridergli e gesticolare con gli occhi..
Ho poco guardato questo signore ma ho osservato molto Francesco il quale avevo il viso tra l'imbarazzato e il lusingato. 
Complice l'impermeabile che questo signore indossava (!), ho chiamato tutti e ci siamo spostati dalla parte opposta del pullman.

Ora, mi domando come parlare ai nostri figli-bambini-creature di tutto questo, senza spaventarli e/o inorridirli.

Come sempre, cerco in rete e grazie al blog http:\\bilinguepergioco.com approdo all'articolo "Svegliatevi mammine" splendidamente scritto...




E inoltre visito con moooooolto piacere http://www.quinonsitocca.it/Default_it.asp dove troverete materiale edito dal Consiglio d'Europa.
In particolare potete scaricare un librino da leggere con tutti i turulli che avete in casa...




4 commenti:

  1. Ciao cara, stesse paure tue.
    Ti segnalo anche questo post: http://www.mammaimperfetta.it/2012/05/02/pedofilia-spiegata-ai-bambini/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie! sarebbe bello se raccogliessimo e ci girassimo del materiale... adesso ci provo :)

      Elimina
  2. cara mamma, come condivido. Proprio oggi, di rientro dal primo giorno di asilo, Anna vuole sedersi sull'unico sedile libero sul pullman. Però io devo tenere il passeggino, a due posti di distanza. Vicino ad Anna un ragazzo sui 30, mani sporche, ma sorriso affabile, rivolto a me. Lascio Anna lì e la fisso tutto il tempo. Il tipo aveva la mano intorno allo schienale del sedile. Le sensazioni piovono dentro i nostri cuori. Ho deciso di liberarmi per una volta di una paura e l'ho lasciata lì. Il ragazzo non l'ha mai guardata e anzi, guardava me, quasi mi dicesse "stati serena, non mi interessa".
    Ma se ne sentono così tante che fatico a non temere sempre, comunque e dovunque. Grazie per l'utilissima segnalazione. Mi sento meglio ad aver condiviso questo fatto! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, se ne sentono tante... e ti dirò... Abbiamo passato l'estate circondata da persone che lodano l'affettuosità dei nostri bimbi... e, dopo le riflessioni e le letture, quasi li preferirei più riservati e timidi!
      Grazie anche a te per il tuo racconto... aver letto fa lo stesso effetto anche a me :)

      Elimina