2 settembre 2012

EQUILIBRI


Siamo qui...
A casa nostra; ancora oggi Davide ci ha domandato in quale casa avremmo dormito.
Sono stati grandiosi; questi bimbi sono stati bravi a cambiare in poco tempo tutti questi letti.
Sarà questo il motivo per cui hanno dormito come angioletti anche nella tendina due secondi, con i sassi sotto al sedere (e non solo).
Il rientro, come previsto, non è stato facile. Rimuoviamo il tema: corrente elettrica saltata e freezer puzzolente...
Non sappiamo dove abbiamo i piatti, la rubrica del telefono, il frullatore a immersione.
Da poche ore ho trovato e rimesso in funzione il cordless... Unico modo per parlare al telefono, seduta sul cesso.
Domani torno a lavorare... Non mi aspettano rapporti umani appaganti e neanche gratificanti lavori. Ma, come sapete, quello che a me pesa tantissimo è stare poco con i bimbi...
Penso da ieri a questo post con tema rientro al lavoro; ed ora che scrivo passa alla tv un servizio sui minatori sardi.
Come tante altre volte, ci ripenso; cambio registro dei mieI pensieri, vado a baciare turulli e marito e mi sdraio a letto.
Va tutto bene, va tutto molto bene...

Nessun commento:

Posta un commento