4 luglio 2012

PRIMA GITA IN MONTAGNA: PRAGELATO

Specifico: non sono esperta né di montagna né di bambini in montagna.
Sono però certa di una cosa: è nata una forma di dipendenza... molto molto piacevole.
Da tempo vogliamo organizzare passeggiate con i turulli ma, si sa, quando le spalle e le braccia degli adulti sono solo due e quattro per quattro bimbetti... non è semplice.
Finalmente abbiamo provato e il risultato è stato eccezionale: Danilo ed io felicissimi nel vederli così contenti, a loro agio, liberi sereni. 
Felicissimi perché anche noi abbiamo giocato con l'acqua e camminato e raccontato e ascoltato.
Vi presento la prima gita; Pragelato.
A caricare di significato (altro) questo sabato, il fatto che qui Danilo, da ragazzino, per molti anni è venuto in vacanza, con fratellino e amici vari...
Tornare, dopo anni e con una vita molto diversa, porta sempre emozioni...
Se volete, seguite per sperimentare...
Dove arriviamo noi, state certi, possono arrivare tutti o quasi.
Abbiamo parcheggiato l'auto nel piazzale del mercato e ci siamo incamminati verso le piste da sci e i trampolini per i salti (2006, ricordate?).
Nel piazzale, a disposizione, acqua fresca dalla fontana.
Sulla sinistra abbiamo preso il ponte che indica come direzione il sentiero della Madonnina.
Ponte, acqua, sassi, rami, pigne: per i turulli già così è la perfezione. 
Poco avanti ci siamo fermati in questa piccola insenatura; poco prato ma molta acqua per giocare e percorsi in cui avventurarsi.
I babbo e la mamma (!) si sono assai divertiti nel fotografare e nel costruire un ponte per permettere ai bimbi di attraversare.
Dopo uno spuntino siamo tornati indietro verso le piste per trovare un prato dove sdraiarci, mangiare rilassati e dormire; una strada sterrata le oltrepassa, costeggiando anche un bel parco con giochi per bambini.
Con il Chisone di fronte, una allegra mangiata e poi il meritato riposo.
I bimbi si sono addormentati con una rapidità e una semplicità ammirabile! (e invidiabile).
Dopo la pennica abbiamo fatto merenda al parco giochi... inutile spiegare che nulla hanno a che fare con quelli "di città"...
Passeggiata e ritorno alla macchina...
Sosta sulle panchine del piazzale, scorta di acqua fresca e ritorno a casa.
Pensavamo fosse, la giornata nel suo insieme, ricoperta da uno stato di grazia che può durare solo poche ore...
E invece, non ci crederete, durante la seconda gita le cose sono andate ancora meglio.
E noi stiamo costruendo dei rituali di famiglia attorno a questa rigenerante opportunità che la montagna ci offre.
Vi racconterò...












9 commenti:

  1. le immagini parlano da sole. dev'esser stata una bellissima esperienza. e tanti complimenti a voi perché immagino non sia stata semplice l'organizzazione.

    RispondiElimina
  2. esperienza bellissima, sì! abbiamo aspettato molto perché, ancora mi accade, al babbo molto meno, spesso ho paura: che scappino, che non ascoltino, che "non ce la si faccia"... che tutti smettano di camminare e come fai a decidere chi prendere in braccio? invece un equilibrio, lentamente, lo stiamo trovando... o forse semplicemente stanno (stiamo) crescendo :)
    ognuno di questi passetti in avanti ci sembrano proprio grandi traguardi :)) grazie ... grazie grazie... :)) a presto

    RispondiElimina
  3. Anche qui da noi ci sarebbero tantissimi bei posti da visitare.
    Uno per tutti, Arcevia, che mi ha vista giocare tutte le estati della mia fanciullezza.
    Ma ancora per noi è troppo presto, i gemelli non reggono viaggi in macchina così lunghi (si fa per dire), né tanto meno camminate più lunghe di 15 minuti.
    Chissà se il prossimo anno sarà la volta buona.

    RispondiElimina
  4. Però adesso che ci penso, il Furlo invece sarebbe molto più abbordabile. Chissà...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. slela! bella arcevia, vero?? ma lo sai che mia mamma è nata a Serra de' Conti?? una giterella al Furlo? agosto?? dai:))

      Elimina
  5. Emerge tanta serenità da questo post... poi mi dirai il trucco per farli dormire all'aperto perché io non l'ho ancora trovato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e non lo so! vabbè, dai... qualche minuto devo insistere però sempre meno... solitamente mi sdraio con loro e si chiacchera.. magari con qualche carezza che a me fa sempre bene :)) poi, a dire il vero, io li invito al riposo... sono loro che crollano :) grazie per le tue visite carissima! a presto

      Elimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina