20 maggio 2012

GIOVANNA - pensieri


Noi donne pensiamo molto, questo si sa, ma quanti pensieri può contenere il cervello di una donna, mamma, lavoratrice? Primo: le liste aiutano. 
Mi piace farmi una piccola lista al mattino, mentre mi preparo, di quello che devo fare in giornata, mi rassicura. 
Quando però le liste diventano: una per la giornata, una per la settimana, una per il week end, una per i problemi della vita... c’è qualcosa che non va!
Da piccola mio padre mi diceva “non anticipare!” ma io l’ho sempre fatto. 
Non voglio essere impreparata agli eventi, voglio la situazione sotto controllo. Ma quando diventi genitore, (di quattro, poi, vero lori?) che controllo hai? 
Quando ti occupi dell'educazione dei figli degli altri, che controllo hai? 
Quando ti sposi, quando diventi amico, quando ti relazioni, insomma, come puoi avere un controllo totale della vita? Allora mi calmo, penso alle cose belle che ho, a quello che ho già fatto, oppure mi dico “tanto non posso fare tutto” e così mi faccio aiutare! 
Che bello delegare agli altri un po’ le cose. Da quando ce la faccio, da quando l’ho imparato, ogni tanto mi succede e dopo sto veramente bene. 
Non importa se chi ho delegato non ha fatto come avrei fatto io, affidarsi agli altri vuol dire questo: accogliere l’aiuto come viene! E imparare a dire grazie…


Nessun commento:

Posta un commento