29 marzo 2012

RACCOGLIERE

A volte mi capita di pensare che qualche piccolo accadimento nasconda faccende più rilevanti.
Danilo ed io siamo da anni dei "raccoglitori": di mattonelle e sassi e vetrini del mare, di tappi, di stampe, di idee e progetti.
Per qualche mese abbiamo raccolto anche alluminio ... e palline di mouse e tasti di tastiere e contenitori di vetro delle medicine ecc...
Francesco con una velocità spaventosa sta imparando!
La propensione al raccogliere, comune a tutti i bambini, sta diventando vera passione, impegno e occasione di concentrazione. Scovare è uno scopo del suo tempo.
Il fatto che abbia una finalità nel suo agire è un bene; il problema c'è quando non distingue ciò che si può prendere in mano e cosa no.
Come può, a cinque anni, distinguere tra immondizia da riciclare e immondizia nociva? Non per dire, intendiamoci. In meno di un anno abbiamo preso dall'immondizia tre biciclette in ottimo stato.
Nelle ultime settimane, da quando è iniziata la primavera, abbiamo riversato su Franci un sacco di caziatoni  legati al suo modo di raccogliere da terra; in realtà siamo noi che al momento non siamo stati in grado di insegnare e/o dimostrare.
Trovo affascinante la creatività, la pazienza, l'esercizio della scelta, l'attenzione per la minuteria, temi che ruotano attorno al raccogliere-collezionare dei grandi e dei piccini.
Un giorno forse troverò tempo e gruppo di lavoro per approfondire e farne un progetto...
Per ora cerco in rete osservazioni sul caleidoscopio di stimoli che uniscono raccogliere e bambini.
Trovo questo documento che potrebbe esservi utile per proporre ai vostri figli qualche ora di attività insieme.
A me ha regalato piccole idee da concretizzare al parco.
Lascio solo qualche riga; se avete tempo proseguite.
foto Loretta Campomaggi
"Il tema del raccogliere, d’altronde, porta con sé tanti aspetti e sfumature interessanti. Raccogliere è un modo per raccontare: tutti i giorni cerchiamo attraverso immagini, frasi, parole di raccogliere le esperienze per raccontare la quotidianità del nido; raccogliere significa condividere, mostrando qualcosa che si è scelto perché lo si ritiene importante; raccogliere rimanda all’idea di piegarsi verso il basso, mettendosi all’altezza dei bambini; raccogliere fa pensare ad un gesto che si ripete nel tempo e che produce una molteplicità; raccogliere è un gesto che può essere abbinato anche alla capacità di osservare particolari, affinando lo sguardo; raccogliere può voler dire anche dare senso e valore anche a ciò che ha apparentemente poca importanza…" da http://cavallinoadondolo.fondazionegualandi.it/riflessioni-e-percorsi/se-ci-mettiamo-idel-latte-diventa-una-colazione-vera

Nessun commento:

Posta un commento