5 febbraio 2012

ISTINTI BESTIALI

Voi ci vedete come la famiglia del Mulino?
No, solo per capire...
Bene, mi confesso per fare sì che i nostri pensieri pesanti possano alleggerirsi. 
Credo di essere stanca e anche un pochino ai limiti; ho una voglia sconfinata di stare a casa, mi sento come una molla carica pronta a scattare, non voglio andare a lavorare, voglio stare sola e pensare alle faccende domestiche.
Sono due giorni che ho una irrefrenabile voglia di alzare le mani sui nostri figli; capisco, sempre più, cosa intendono le Psicologhe del Progetto Gemelli quando parlano di Gang gemellare.
Qualche sventolone vola ma perlopiù si urla.

foto Loretta Campomaggi

Lo so che i nostri figli ci amano e che noi amiamo loro; eppure, loro fanno di tutto per "massacrarci" e io (noi, ma  più io credo) ho una irrefrenabile voglia di fare loro del male.
Non vi allarmate perché è normale, sapete? Almeno così dicono...
E, vi prego, non mettetevi a spiegarmi che i bambini sono bambini, che non ci vogliono "massacrare" perché ci amano ecc... Non sono mica pirla?! E non lo è neanche Danilo.
Non riesco a sopportare... a sopportare, sopportare... il loro atteggiamento provocatorio e egocentrico e capriccioso...
Quando sono insieme pensano di essere intoccabili; e, nonostante i gemelli siano tre, in questi casi nel gruppo ci entra anche Franci; è grande e ai tre nanerottoli (senti chi parla) fa comodo l'appoggio.
Quando poi gli eventi precipitano, Franci capisce che è il caso di fermarsi... e si dissocia; ormai però la bomba è esplosa.
Secondo me non capite fino in fondo di cosa sto parlando; chiamare o chiedere (esempio: raccogli quello che hai tirato) per 4 figli per 5 - 6 volte a testa, senza avere una risposta;  capita che otteniamo uno sguardo e una linguaccia e una voltata di spalle.
Sedersi a tavola: uno sbriciola il pane sulla testa, l'altro inizia battibecco col vicino con voce dal tono sempre più alto, l'ultimo urla perché vuole non so cosa.
In un'ora sanno prendere montagne di giochi (senza usarli in realtà) e mescolarli e spargerli in tutte le stanze, cesso compreso, di tutta la casa.
Moltiplicate per 4 più uno (non è proporzionale) quello che vivete per vostro figlio/a, o quello che sentite dall'amica-sorella-collega-vicina...
I mostri terribili di cui cerco di parlarvi hanno fatto saltare i nervi persino a Danilo (e non ci riescono neanche gruppi di mocciosi adolescenti della periferia torinese). 
I mostri terribili che ora dormono nella stanza accanto, a scuola sono "b-r-a-v-i-s-s-i-m-i".
Vi pare?
Ma il peggio del peggio è quando, oltre a dichiarare guerra a mamma e papi, se la dichiarano anche tra di loro.
Provate a immaginare cosa vuol dire, per tre ore consecutive, assistere a incessanti litigi e urla e pianti per quel gioco o quel libro o per il posto a tavola o per il posto in auto o per chi prende la mela per primo o per chi si siede sul bordo della cassapanca... per ore consecutive di giornate consecutive.
Prendete appunti perché se dovessero ancora esserci persone che ci dicono:
- il peggio è passato
- il mio (di figlio) fa per quattro dei vostri
- essendo in tanti i vostri figli hanno la fortuna di crescere con meno esigenze degli "altri"
se dovesse accadere, giuro, scattano le manette!
Ora vado; passo dai turulli a rimboccare coperte e a guardarli dormire... l'unico modo per pensare che domani tutto andrà meglio e si può ricominciare da zero.

5 commenti:

  1. Chi parla/giudica la vostra famiglia dovrebbe solo tacere!
    Anch'io sono nel pieno del periodo di ribellione, e ne ho solo 1, non riesco davvero ad immaginare cosa voglia di averne 4!
    Hai tutta la mia solidarietà, e non preoccuparti, certe "voglie" vengono anche a chi giudica!!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Ciao! che piacere... ti ringrazio perchè credo di avere proprio bisogno di tanta solidarietà e abbracci compresi :)) a presto e grazie grazie grazie grazie (uno per ogni turullo...)

    RispondiElimina
  3. hai tutta la mia solidarietà!

    RispondiElimina
  4. Santi subito!!!!Io sarei già alle Vallette...ecco una delle ragioni per cui mia figlia, amata, voluta, desiderata ed amata, resterà figlia unica!!!Baci a tutti

    RispondiElimina
  5. ciao cristina! per la santità la strada è lunga ancora :))
    a presto

    RispondiElimina