12 gennaio 2012

CHE FARE?

Leggete con attenzione perchè ho bisogno della vostra opinione.
Scuola primaria (per tirarmela, perchè per me è ancora la scuola elementare).
Vicina alla scuola di Davide, Ale e Chiara c'è la succursale della Salgari, di cui, pare, si dice, per alcuni ma non per tutti... pare essere la scelta didatticamente migliore.
Quello che ho visto e sentito mi è piaciuto.
In succursale attiveranno solo due classi prime.
Noi siamo fuori zona, anche se a me sembra assai vicina.
E, in questi casi, esiste una modalità di attribuzione punteggio per le graduatorie che è elaborata soggettivamente dalla scuola.
Ebbene: secondo questi parametri noi non abbiamo neanche uno straccio di punto, anzi; rispetto ad un bimbetto che ha frequentato il medesimo circolo (ossia medesimo direttore), magari figlio unico e con la tata madrelingua inglese in casa, siamo molto arretrati.
Ho poco tempo per descrivere il mio pensiero; assodato che a noi "non manca nulla", che ce la faremo, che siamo "bravi" ecc... Posso dire che un aiuto spesso ci è utile? Posso dire che una scuola elementare di cui mi fido, che ci tiene al riparo da casini e difficoltà e problemi ci rende la vita più facile?
A volte ci sentiamo dire che siamo una bella famiglia, che abbiamo meno problemi noi con quattro che "molti altri" con uno... Credete, grazie a tutti, di cuore; ma questo non cambia la quotidianità e non riduce le necessità.
In balia di questo senso, leggero, di amarezza (chi non ne ha nel recente periodo storico - politico?), la domanda che mi e vi faccio è: cerco un incontro con la Dirigente della scuola? Per dire che? Che visto che ho tanti figli e tre gemelli mi piacerebbe "una raccomandazione"? Un trattamento di favore? Un gesto di sensibilità?
Mi sembra di non esserne capace e mi sembra di non averne il diritto; però, ragazzi, sono anche certa che l'impegno che Danilo ed io viviamo e la responsabilità legata alla crescita di quattro, non è comune e non va banalizzata.
foto Loretta Campomaggi

3 commenti:

  1. Bè, magari nell'incontro con la dirigente scolastica andrei a sindacare su queste graduatorie 'soggettive' che probabilmente saranno anche fuorilegge. Se un figlio unico con la tata madrelingua vi supera, probabilmente c'è qualcosa che non va, potreste vincere anche un ricorso al TAR. Ecco, di questo discuterei.
    Se per graduatoria non entrate, probabilmente la graduatoria è tarocca.

    RispondiElimina
  2. la scuola ha l'obbligo di accogliere chi è in zona... e poi per i restanti occorre trovare una modalità selettiva; in particolare, in questo caso, i parametri inseriti non è che siano "incomprensibili" o poco condivisibili... semplicemente... ci escludono:)

    RispondiElimina
  3. Ciao. Hai pensato di chiedere un appuntamento per farti spiegare bene come funzionano queste graduatorie e capire se, senza favoritismi, si può fare qualcosa?

    RispondiElimina