21 agosto 2011

SE DA VECCHI SI TORNA BAMBINI...

Se da vecchi si torna bambini, da adulti si può ritornare ragazzini?
Quella bella età, quella “di una volta”, quella in cui non immaginavo lontanamente come sarebbe stata la mia seconda vita…
Mi devo preoccupare?
A volte ricordo con nostalgia quei giochetti tira e molla, lancio il sasso e tolgo la mano; quegli innamoramenti la cui intensità portava a pensare che erano unici al mondo… e poi dopo tre mesi svanivano…

foto Loretta Campomaggi - 1990 partita di calcio tra amici in oratorio

Tappa dopo tappa arrivare alla laurea; ogni esame dato un gradino verso la meta finale.
Ogni esame dato, archiviazione degli appunti, delle tavole e poi anche dei file…e quella sensazione inebriante di avere conquistato qualcosa, di aver superato l’ennesima sfida e di aver messo ancora un mattone per la costruzione del futuro. Perché le cose buone vanno conquistate.
I brividi alla schiena nel sentire parole e spiegazioni: quando gli insegnanti insegnavano. Le parole di Tosoni, di Comollo, di Castelnovi; gli esami con Romano e Salizzoni e Ferraro.
I gruppi in oratorio e le settimane estive tra riflessioni, cacchi nostri, notti a guardare le stelle e baccagli vari.
L’emozione e la gioia di insegnare a venti anni e vedere che chi ti ascolta ha i brividi alla schiena.
Insegnare e studiare e avere la stima di colleghi che hanno il doppio degli anni.
Insegnare e studiare…
Camminare in centro senza orari, parlando con gli amici. Andare ad ascoltare musica… una volta lo si poteva fare gratuitamente… Vedere la città di notte; prendere la pizza appena sfornata.
Scegliere se fare o non fare la tessera Arci; dove parcheggiare per andare al Barrumba.
Un piatto di patatine in birreria dopo pallavolo.
Cercare i vestiti taglia 38 (lire 1000) al mercato di corso Palestro e scovare la scarpa giusta tra i campionari.
Qualche sbronza e fumata qua e la… sempre con le coordinate al posto giusto.
Sono stata così calcolatrice negli anni passati! Avrei rischiato solo per me stessa, buttandomi maggiormente e osando di più... Ora le cose sono differenti.
Spero che con i miei futuri ragazzi si possano sciogliere le briglie…
Adulti, prima o poi, diventeranno anche loro.
Per iniziare, durante l’ultima settimana di vacanza, doppia partita al biliardino del bar sulla spiaggia…
foto Loretta Campomaggi - 1990 patatine dopo pallavolo

Nessun commento:

Posta un commento