27 agosto 2011

BILANCIO...

…di fine vacanza.
La tristezza aumenta perché tornare a lavorare dove le persone non mi/ci vogliono bene è triste.
E poi non vedere i bimbi per gran parte della giornata mi pesa; e mi pesa anche questo sempre più vicino inserimento alla scuola materna dove saranno separati in classi diverse.
Devo tornare e chiedere con molta “cortesia” di avere per qualche settimana un orario il più flessibile possibile, sia io sia Danilo, pur garantendo di svolgere al meglio i nostri compiti.
Non so come faremo sino a quando l'orario della materna, compreso il pre-scuola, non entrerà a regime.
E mi sentirò dire che è un problema… che si crea un precedente… e alla fine se il sì arriva è solo insieme ad altre richieste di lavori “extra”…
Non che mi lamenti… ma quella del dipendente che chiede, è una posizione che non mi piace, mi mette disagio, mi fa sentire vulnerabile… e in discussione c’è la possibilità di stare con i bimbi e di trovare un modo per organizzare la nostra incasinata quotidianità.

Facciamo perciò questo bilancio, con una lista…
Pannolini tolti: 0 (ma abbiamo detto che in valigia non si metteranno e dunque a Torino non ce ne saranno più (!!!))
Cacche nel vasino: 0
Belle serate: da 8 a salire
Parolacce entrate nel lessico dei bimbi: 4 (che palle – stupido – mizzica – rump nen le bale)
Momenti indimenticabili di vacanza con i nostri bimbi: tanti
Capacità di socializzare dei turulli, appresa durante l’estate 2011: voto 10
Capacità dei turulli di mangiare fuori casa, appresa durante l’estate 2011: voto 7
Capacità di adattarci a nuovi posti: voto 8
Gite: 3
Feste organizzate: 1
Cose nuove comprese da mamma Loretta: fare la moglie di papà è in generale un ruolo di merda… durante l’adolescenza la faccenda non migliora (diciamo così).
Capacità dei bimbi di stare in acqua al mare: impressionante! Li riportiamo a Torino trasformati in pesciolini… Ancora ci sembra incredibile.
Uscite serali: molte.
Gelato mangiato: chili e chili.
Voglia di stare con gli animali: voto 8 (raccolta delle lumache di Francesco, i gatti torturati, i tacchini di zio Armando, i pesci della fontana di Chiaravalle, i cavalli Messalina e Valletto da salutare)
Cene al ristorante: 1 (e ci bastano per i prossimi 5 anni)
Critiche raccolte e giudizi sul nostro modo di fare in famiglia: svariate.
Persone che ci hanno assediato, inseguito, torturato… per eccesso di affetto: alcune.
Persone che ci fanno coccole, che ci vogliono bene, che adorano i nostri bimbi, che insegnano loro un mondo di cose… molte e molte di più.
Persone che ci hanno chiesto: ma sono tre gemelli? Ancora tante…
In chiusura… anche se avrei ancora da scrivere…


foto Loretta Campomaggi

Facendo questo calcolo:
il nostro dare i numeri + il caldo + la fatica di conciliare ogni richiesta + lo scazzo e la noia che ci sono state + il desiderare a volte cose differenti + le sculacciate + le urla + i momenti felici + il riposo + la compagnia + l’aria buona + il paesaggio + il mare + un concentrato di amore e affetto + il rammarico per essere così lontani + i trattori + i viaggi + i tuffi….
Il bilancio è PO-SI-TI-VO…….. bimbi contenti, cresciuti... ci rendono ogni giorno più orgogliosi!

22 agosto 2011

UN REGALO PER ME


foto Fede
Questo è un regalo per me!
Mi è stata mandata da qualche giorno e non posso non farvela vedere... Ne sono così orgogliosa!
E un bacio a Fede, grande grande, per il suo bene!
Nella foto: Danilo e Davide, al mare, una sera d'estate... anno 2011





21 agosto 2011

SE DA VECCHI SI TORNA BAMBINI...

Se da vecchi si torna bambini, da adulti si può ritornare ragazzini?
Quella bella età, quella “di una volta”, quella in cui non immaginavo lontanamente come sarebbe stata la mia seconda vita…
Mi devo preoccupare?
A volte ricordo con nostalgia quei giochetti tira e molla, lancio il sasso e tolgo la mano; quegli innamoramenti la cui intensità portava a pensare che erano unici al mondo… e poi dopo tre mesi svanivano…

foto Loretta Campomaggi - 1990 partita di calcio tra amici in oratorio

Tappa dopo tappa arrivare alla laurea; ogni esame dato un gradino verso la meta finale.
Ogni esame dato, archiviazione degli appunti, delle tavole e poi anche dei file…e quella sensazione inebriante di avere conquistato qualcosa, di aver superato l’ennesima sfida e di aver messo ancora un mattone per la costruzione del futuro. Perché le cose buone vanno conquistate.
I brividi alla schiena nel sentire parole e spiegazioni: quando gli insegnanti insegnavano. Le parole di Tosoni, di Comollo, di Castelnovi; gli esami con Romano e Salizzoni e Ferraro.
I gruppi in oratorio e le settimane estive tra riflessioni, cacchi nostri, notti a guardare le stelle e baccagli vari.
L’emozione e la gioia di insegnare a venti anni e vedere che chi ti ascolta ha i brividi alla schiena.
Insegnare e studiare e avere la stima di colleghi che hanno il doppio degli anni.
Insegnare e studiare…
Camminare in centro senza orari, parlando con gli amici. Andare ad ascoltare musica… una volta lo si poteva fare gratuitamente… Vedere la città di notte; prendere la pizza appena sfornata.
Scegliere se fare o non fare la tessera Arci; dove parcheggiare per andare al Barrumba.
Un piatto di patatine in birreria dopo pallavolo.
Cercare i vestiti taglia 38 (lire 1000) al mercato di corso Palestro e scovare la scarpa giusta tra i campionari.
Qualche sbronza e fumata qua e la… sempre con le coordinate al posto giusto.
Sono stata così calcolatrice negli anni passati! Avrei rischiato solo per me stessa, buttandomi maggiormente e osando di più... Ora le cose sono differenti.
Spero che con i miei futuri ragazzi si possano sciogliere le briglie…
Adulti, prima o poi, diventeranno anche loro.
Per iniziare, durante l’ultima settimana di vacanza, doppia partita al biliardino del bar sulla spiaggia…
foto Loretta Campomaggi - 1990 patatine dopo pallavolo

20 agosto 2011

BIRILLI

Qualcuno di voi, negli anni, ha comprato i birillli "estivi"? Quelli di plastica, abbastanza economici, che non stanno mai in piedi?
E i vostri figli ci hanno giocato più di tre volte?
Noi li abbiamo nel bagagliaio della macchina, insieme a una ruspa enorme e due cariole: giochi sempre a disposizione, soprattutto per le gite nelle case di campagna degli zii...
Considerando che sti birilli sono uno sfinimento... e i bimbi lo hanno capito (!!!), ecco come di recente li hanno "riciclati"...






18 agosto 2011

SOLA AL MARE

Carissime lettrici, sapete rispondere alla domanda seguente: “Quando è stata l’ultima volta che siete state in spiaggia da sole?”.
Ieri pomeriggio, dopo più o meno 12 anni (!!!) sono stata in spiaggia da sola: scelto, deciso, comunicato.
Eccezionalmente, ecco le cose che ho potuto fare: mettere gli occhiali da sole (solitamente me li tolgono e quasi-rompono), togliere il laccio del costume dal collo (senza restare nuda perché qualcuno si attacca), stare sdraiata (senza un bambino che salta e inizia a fare il cavaliere sulla mia pancia), ascoltare la radio del mio fighissimo cellulare pagato più o meno 28 euro, chiudere gli occhi e ascoltare solo musica e/o rumore dell’acqua, mangiare qualche nocciolina (avrei fumato volentieri qualche sigaretta ma dopo dieci anni senza mi spiacerebbe…), non parlare e non dover ascoltare…
Questa parentesi è durata un’ora… mi è piaciuta molto e i minuti mi sono sembrati più di sessanta.
Dovrebbero insegnarci a farlo una volta ogni tanto.
foto Loretta Campomaggi

16 agosto 2011

UN GIORNO CREDI...

Edoardo Bennato

Un giorno credi di essere giusto
e di essere un grande uomo
in un altro ti svegli e devi
cominciare da zero.

Situazioni che stancamente
si ripetono senza tempo
una musica per pochi amici,
come tre anni fa.

A questo punto non devi lasciare
qui la lotta è più dura ma tu
se le prendi di santa ragione
insisti di più.

Sei testardo, questo è sicuro,
quindi ti puoi salvare ancora
metti tutta la forza che hai
nei tuoi fragili nervi.

Quando ti alzi e ti senti distrutto
fatti forza e va incontro al tuo giorno
non tornare sui tuoi soliti passi
basterebbe un istante.

Mentre tu sei l'assurdo in persona
e ti vedi già vecchio e cadente
raccontare a tutta la gente
del tuo falso incidente.

Mentre tu sei l'assurdo in persona
e ti vedi già vecchio e cadente
raccontare a tutta la gente
del tuo falso incidente.



In questi giorni sono tornate in mente queste parole... Sono mesi particolari questi, proprio particolari...
Mi sento sola... Mi sento sola...

13 agosto 2011

4x3 = 12

foto Loretta Campomaggi
8 sandali per il mare
4 biciclettine
8 rotelle da togliere
2 biciclette e 2 seggiolini su ogni bici
4 cappellini
2 pannolini
1 mutanda
12 pastiglie di Laedum
11 costumi
12 teli - asciugamani mare
2 protezioni 30
4 bottiglie d'acqua con beccuccio
2 bottiglie d'acqua senza
8 braccioli
2 seggiolini davanti
2 seggiolini dietro
7 spazzolini
2 bolle di sapone
3 camion + 1 Hello Kytti
2 partite con il flipper
2 gelati da 2 euro con 4 cucchiaini
10 ciucci

...................................................................................................................................................................


5∞  persone che ci vogliono bene!



12 agosto 2011

BASTA POCO

Ho tante cose da raccontarvi!
Stasera, con semplicità, vi mostro queste foto dei bimbi...
Quando stanno bene, riposati e sereni, hanno la capacità di divertirsi e giocare senza giochi per molto tempo.
Bastano le linee di un parcheggio deserto di un paese deserto...
foto Loretta Campomaggi


foto Loretta Campomaggi

foto Loretta Campomaggi






9 agosto 2011

SENSO DI LIBERTÀ

E dunque… cosa è? Da cosa dipende? Da adolescenti si pensa alla libertà personale e da grandi a quella in scala più ampia dell’umanità tutta, dell’individuo ecc…?
Quanto è legato, il senso di libertà, alla serenità e alla vita che facciamo?
Scrivo su questo blog per molti motivi…
Da alcune settimane però mi sento “in imbarazzo”…
Logico, chi scrive sul web sa che le proprie parole vengono lette da altri… e giudicate.
Mi piacerebbe a volte poter avere una forma di anonimato sulla quale tuttavia ormai nulla più posso fare. Siamo in difficoltà.
Adoriamo i nostri figli e adoriamo la nostra vita insieme anche se la maggior parte delle volte è faticosa.
Il fatto di essere in tanti non autorizza nessuno a sostituirsi a noi senza una precisa e specifica richiesta.
Frequento un gruppo virtuale di famiglie con gemelli e/o molti figli; a volte passo del tempo a leggere le esperienze scritte da altri…
Si ripetono sempre gli stessi meccanismi. Questo dovrebbe in qualche misura confortarmi…
In questi giorni di estate mi sono sentita obbligata a parlare solo di cazzate perché siamo in vacanza…
Tra l’altro, un giorno, prima o poi, ce lo diciamo il nostro personale concetto di vacanza quale è??
Le poche volte che sento parlare di fatica, incrocio gli occhi di Danilo… Tutto il nostro fare è rivolto ai figli e al “sistemare”, a breve e medio termine, una vita famigliare che, concedetemi, non è esattamente comune a molti.
Mi guardo attorno; per non “tagliarci” ancora più fuori dal mondo, mi sforzo di parlare di noi e mi sforzo di ascoltare le altre mamme… Noi siamo su un altro pianeta; e anche i nostri figli ci stanno lentamente arrivando, obbligati.
Quello che chi ci circonda vede è la metà: l’altra è sconosciuta…
foto Loretta Campomaggi

7 agosto 2011

VETRINI DEL MARE – ottava puntata SOTTOBICCHIERI

Un mese al mare e non vi parlo più dei vetrini!
Non pensate che qui non se ne raccolgano o che la moda è passata...
Ormai Francesco è diventato autonomo e il "raccoglitore ufficiale" della famiglia non sono più io bensì lui!
Come dice Federica, ne vede molti più di me...
Come consolazione, vi allego le foto di un lavoro datato ma che mi fa ancora tanta tenerezza.
Sono sottobicchieri fatti con gesso (più cemento?) e vetrini del mare e vernice per la lucidatura.

foto e manufatto Loretta Campomaggi

5 agosto 2011

IN TRENO!

Evviva!
Gita in treno...
Da Chiaravalle a Serra San Quirico: 20 minuti ad andare e 20 minuti per tornare...
A conti fatti, abbiamo pensato che anche arrivare a Jesi (6 minuti...) poteva bastare!
I turulli hanno saltellato sempre, da una poltrona a un'altra...
L'esperienza è stata bella; bimbi molto eccitati e bravi al momento giusto...
Devo dire, onestamente, qualche difficoltà con le Ferrovie dello Stato l'abbiamo avuta; il nostro treno è arrivato in stazione con più di trenta minuti di ritardo... e nulla è stato annunciato... Però, a compensare, il personale è stato allegro, gentile, molto molto molto grazioso con i bimbi...
Cosa ci sarà mai all'inizio di questi lunghi treni... chi li guiderà...
A noi hanno riservato ben due fischi di saluto, in arrivo e in partenza, con la mano fuori dal finestrino!
foto Loretta Campomaggi

foto Loretta Campomaggi

foto Loretta Campomaggi


2 agosto 2011

MINUSCULE

A bocca aperta!
Così mi lasciano questi capolavori di animazione-cartoni animati francesi...
Se non li avete visti, dovete assolutamente cercarli... Non ve ne pentirete... Promesso!
Offro una pizza a chi mi dirà che non gli sono piaciuti... questi munuscoli personaggi ci sembrano ingranditi sotto a una lente.
Sono gli abitanti insetti: api, bruchi, ragni ecc... 
Appena pensate di guardare un documentario per bambini, ecco il colpo di scena...
http://www.minuscule.tv/ il sito ufficiale