26 aprile 2011

AUTO PER LA FAMIGLIA

Vero, per alcune cose non c’è prezzo.
Tra queste, vedere Francesco contento perché possiamo ospitare nella nostra auto altre persone…
E non riuscire a dirsi una parola perché tutti i bimbi contemporaneamente stanno raccontando cose, esaltati dalla gioia per gli invitati all’interno dell’abitacolo (che ha quasi le dimensioni di una sala da ballo).
foto A.G.

Le prime cose che vengono in mente quando ti dicono: “Signora, è una trigemina” sono: i soldi, l’auto, la casa (ne seguono altre… ma andrei fuori tema).
La prima questione per noi è ancora sospesa…
La seconda (che non è così tanto indipendente dalla prima) la abbiamo affrontata solo dopo la nascita dei gemelli… scaramanzia.
Non è stato facile scegliere e investire più dei nostri risparmi per una scatola che si muove su ruote.
Viviamo a Torino, a casa nostra pochissimo parcheggio, niente soldi per affittare un posto auto.
Stare in sei più uno sette sulla Atos ci è subito apparso improbabile.
Dopo molto cercare abbiamo trovato uno Scudo della Fiat da otto posti, usato ma in garanzia.
Una martellata il costo… ma abbiamo immediatamente capito che non avremmo potuto farne a meno; c’è posto per Stefano e anche per la nonna, quando vuole stare con noi.
Il bagagliaio ci permette di mettere due passeggini doppi o uno triplo; e quando usciamo senza passeggini possiamo caricare in auto quattro biciclette.
Non vi sto a raccontare il disagio quando non possiamo usarla perché non troveremmo parcheggio al rientro, oppure quando è ora di pagare il bollo, oppure quando dobbiamo fare il pieno…
Più di una volta abbiamo pensato di venderla.

Siamo una famiglia numerosa dove non si può mai stare soli un istante, neanche seduti in bagno.
Scrivo l'esperienza auto perchè mi sento appagata nel vedere nei miei figli la voglia e la gioia nell’avere “altri” oltre "noi"… le cose, mi viene da pensare, stanno andando nella giusta direzione.

Nessun commento:

Posta un commento